Category

Economia e finanza

Arriva il fondo di indennizzo risparmiatori, il commercialista Lamberto Mattei: “ecco a chi spettano gli indennizzi”

By | Economia e finanza | No Comments

Roma – Arrivano gli indennizzi per i risparmiatori coinvolti dai crac bancari: automatici per una platea stimata al 90% del totale, ovvero chi ha un reddito imponibile inferiore ai 35.000 euro o un patrimonio mobiliare inferiore ai 100.000 euro, elevabile a 200.000 euro subordinatamente all’approvazione della Commissione europea. – (Lo studio Associato Sarcc, di cui è founder il commercialista Lamberto Mattei pubblica per l’utilità dei lettori una dettagliata ricerca corredata del testo di legge per rendere informazione pubblica su questo argomento) –   Per il restante 10% circa, – prosegue la ricerca –  la creazione di un indennizzo che prevede un processo di verifica semplificata da parte di una Commissione tecnica attraverso la tipizzazione in diverse categorie delle violazioni massive e dei criteri che conducono all’erogazione diretta dell’indennizzo. Vengono rafforzate l’indipendenza della Commissione tecnica e la sua capacità operativa. Sono questi i punti salienti delle nuove disposizioni previste per l’attuazione delle norme contenute nella Legge di Bilancio 2019 relative al Fondo Indennizzo Risparmiatori (FIR), dettagliate con il Decreto Crescita e con il successivo decreto attuativo. Il Fondo ha una dotazione iniziale di oltre 1,5 miliardi di euro: 525 milioni per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021.

A chi spettano gli indennizzi

Hanno accesso al Fondo i risparmiatori, persone fisiche, imprenditori individuali, anche agricoli o coltivatori diretti, le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e le microimprese che occupano meno di dieci persone e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro, in possesso delle azioni e delle obbligazioni subordinate delle banche poste in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018, a causa delle numerose violazioni degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza. Gli indennizzi spettano anche ai loro successori mortis causa o al coniuge, al convivente  more uxorio, ai parenti entro il secondo grado, in possesso di tali strumenti finanziari.
Sono esclusi dalle prestazioni del FIR, tra gli altri, gli strumenti finanziari in possesso di soggetti diversi dai precedenti (fra cui controparti qualificate e clienti professionali) alla data della messa in liquidazione della banca, quelli acquistati e in possesso di soggetti che abbiano avuto, al primo gennaio 2017, nelle banche o loro controllate incarichi quali componente del Cda o degli organi di controllo, membro del collegio sindacale, consigliere delegato, direttore e vice direttore generale, nonché parenti ed affini di primo e secondo grado.

Gli importi dell’indennizzo

E’ stato previsto un indennizzo per gli azionisti e per gli obbligazionisti subordinati: per entrambe le platee, dall’ammontare di tale indennizzo sono detratti gli eventuali importi già ricevuti a titolo di altre forme di indennizzo, ristoro, rimborso o risarcimento.

Modalità di accesso

Viene costituita presso il Ministero una Commissione tecnica indipendente per la valutazione delle domande, le cui attività di supporto sono affidate alla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), che svolge l’attività di Segreteria tecnica. Gli aventi diritto possono presentare la domanda di indennizzo, completa di documentazione attestante i requisiti previsti, a tale Commissione entro il termine di centottanta giorni decorrenti dalla data indicata da apposito decreto.
L’istanza indica, tra le altre cose, i dati personali dell’avente diritto, i dati relativi agli strumenti finanziari oggetto della richiesta, la banca che ha emesso tali strumenti, i dati necessari per il pagamento tramite bonifico bancario o postale. Fra gli allegati, possono essere presentati anche i documenti utili ai fini dell’accertamento delle violazioni massive del Testo Unico della Finanza che hanno causato il danno ingiusto.

Commissione tecnica

Viene istituita una Commissione tecnica di nove componenti con requisiti di competenza, indipendenza, onorabilità e probità, competente per l’esame e l’ammissione delle domande di indennizzo del Fir. Fra i suoi compiti, quello di esaminare le istanze presentate e la documentazione acquisita; di disporre l’acquisizione di informazioni e documenti necessari per l’assolvimento delle proprie funzioni; di verificare la sussistenza dei requisiti dei richiedenti nonché delle violazioni massive del Testo Unico della Finanza che hanno causato un pregiudizio ingiusto, anche acquisendo d’ufficio la necessaria documentazione bancaria o amministrativa o giudiziale. La Commissione stabilisce inoltre i criteri generali e le linee guida per la tipizzazione delle diverse tipologie di violazioni massive in presenza delle quali sussistono il danno subito dal risparmiatore e il nesso causale tra le violazioni e il danno stesso. Allo stesso tempo, è compito della Commissione determinare la misura dell’indennizzo e i criteri per la redazione dei piani di riparto, anche parziali.

Indennizzo diretto

Hanno diritto all’erogazione da parte del FIR di un indennizzo forfettario i soggetti risparmiatori persone fisiche – ovvero i loro successori mortis causa, il coniuge, il convivente more uxorio, i parenti entro il secondo grado – in possesso delle azioni e delle obbligazioni subordinate alla data del provvedimento di messa in liquidazione che soddisfano una delle seguenti condizioni: a) patrimonio mobiliare di proprietà del risparmiatore di valore inferiore a 100.000 euro al 31 dicembre 2018, elevabile a 200.000 euro subordinatamente all’approvazione della Commissione europea; b) ammontare del reddito complessivo del risparmiatore ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche inferiore a 35.000 euro nell’anno 2018.

Valutazione della Commissione

Per il restante 10% circa che non rientra nelle soglie reddituali o patrimoniali, viene comunque prevista una forma di indennizzo che prevede un processo di verifica semplificata da parte della Commissione tecnica attraverso la tipizzazione delle violazioni di natura contrattuale o extra-contrattuale, e dei criteri in presenza dei quali l’indennizzo può comunque essere direttamente erogato.
Fra queste tipologie di violazioni, rientrano anche la vendita o il collocamento di strumenti finanziari senza che siano state osservate le disposizioni che prevedono la valutazione della consapevolezza e dell’adeguatezza dell’acquirente rispetto al profilo di rischio; la realizzazione di tali azioni insieme all’erogazione di finanziamenti (ad esempio le operazioni baciate) o l’assegnazione di un grado di rischio e di un orizzonte temporale di investimento incongruo con l’età del cliente. Rappresentano violazioni massive anche la produzione e pubblicazione da parte di una banca di dati fuorvianti per l’investitore in relazione alla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della banca stessa.

Piattaforma Web

La Consap renderà operativa una piattaforma informatica per fornire al pubblico informazioni chiare e complete in merito alle modalità di presentazione della domanda e gli adempimenti necessari, anche attraverso un sistema interattivo di risposte alle domande dei risparmiatori. La piattaforma consentirà poi agli utenti di procedere alla presentazione formale dell’istanza e dei documenti da allegare.

Pagamento degli indennizzi

Una volta determinata la misura dell’indennizzo a favore degli aventi diritto e stabiliti i criteri per la redazione dei piani di riparto degli indennizzi stessi, la Commissione ne approva il piano di riparto e ne dispone il pagamento, con la massima celerità, anche attraverso la predisposizione di piano di riparto delle risorse disponibili, nel rispetto dei limiti di spesa, della dotazione del Fondo e fino al suo esaurimento. Le somme che non vengono impegnate al termine di ciascun esercizio sono conservate per essere utilizzate in quelli successivi.
I pagamenti degli indennizzi avvengono mediante bonifico al conto corrente bancario o postale intestato agli aventi diritto.

FIR_Decreto_10_maggio_2019

In arrivo i nuovi tagli di banconote da 200 euro

By | Economia e finanza | No Comments

Roma – Interessanti novità  riguardano il settore economico-finanziario italiano, tra qualche giorno infatti saranno messe in circolazione le nuove banconote da 100 e 200 euro. I nuovi biglietti andranno a completare l’emissione della serie Europea, che stando a quanto comunicato da esperti di settore offre una migliore protezione dalla falsificazione, rendendo le banconote in euro ancora più sicure.

I nuovi tagli dunque sono anche più resistenti rispetto alla serie precedente. Le nuove banconote dovranno essere sostituite meno frequentemente con conseguente riduzione dei costi e minore impatto ambientale.  Inoltre in un video diffuso dalla Banca Centrale Europea,  è stato evidenziato come la nuova carta  possa resistere ad alte temperature ed altri agenti atmosferici. 

L’ologramma con satellite è la particolare caratterizzazione di sicurezza  per queste nuove  banconote, che saranno già in circolazione dal prossimo 28 maggio 2019.

 

Rottamazione cartelle, possibile estensione anche ai tributi regionali e degli enti locali

By | Economia e finanza | No Comments

Roma – Consentire anche alle Regioni e agli Enti locali di prevedere una rottamazione delle entrate non riscosse, a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale notificati dal 2000 al 2017. Lo prevede, in sintesi, un nuovo articolo inserito nell’ultima bozza di dl Crescita, di cui Public Policy ha preso visione, arrivato sul tavolo del pre Cdm di ieri pomeriggio. Un tema sul quale il commercialista Lamberto Mattei ha svolto con il suo staff una ricerca su quanto sta avvenendo:

Nel dettaglio, il nuovo articolo prevede che “con riferimento alle entrate, anche tributarie, delle regioni, delle province, delle città metropolitane e dei comuni, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale notificati, negli anni dal 2000 al 2017, dagli enti stessi e dai concessionari della riscossione, i medesimi enti territoriali possono stabilire, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con le forme previste dalla legislazione vigente per l’adozione dei propri atti destinati a disciplinare le entrate stesse, l’esclusione delle sanzioni relative alle predette entrate”.

Le Regioni e gli Enti locali dovranno quindi stabilire, con propri provvedimenti: il numero di rate e la relativa scadenza, che non può superare il 30 settembre 2021; le modalità con cui il debitore manifesta la sua volontà di avvalersi della definizione agevolata; i termini per la presentazione dell’istanza in cui il debitore indica il numero di rate con il quale intende effettuare il pagamento, nonché la pendenza di giudizi aventi a oggetto i debiti cui si riferisce l’istanza stessa, assumendo l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi; il termine entro il quale l’ente territoriale o il concessionario della riscossione trasmette ai debitori la comunicazione nella quale sono indicati l’ammontare complessivo delle somme dovute per la definizione agevolata, quello delle singole rate e la scadenza delle stesse.

La bozza di ddl prevede quindi la sospensione dei termini di prescrizione e di decadenza per il recupero delle somme oggetto di istanza, con immediata ripresa in caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata, o di una delle rate in cui è stato dilazionato il pagamento delle somme. In questo caso la definizione agevolata non avrà effetto. Vengono escluse dalla definizione: le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato; i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti; le multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna; le sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali. Per le sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, la definizione si applicano limitatamente agli interessi. Per le Regioni e le Province a statuto speciali l’applicazione della norma avviene “in conformità e compatibilmente con le forme e con le condizioni di speciale autonomia previste dai rispettivi statuti”.

Il microcredito spiegato a Report dal presidente Baccini, il commercialista Lamberto Mattei: “finalmente si spiegano gli obiettivi dell’ente”

By | Economia e finanza | No Comments

Roma – Ha suscitato molto interesse, il servizio andato in onda ieri sera durante la tramissione Report su Rai Tre in cui è stato intervistato il presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito Mario Baccini. “Finalmente – ha spiegato Lamberto Mattei – inizia ad approdare l’informazione sul ruolo di questo Ente sulla cui tematica abbiamo già da tempo costituito una squadra di lavoro. Le soluzioni per le aziende ci sono, mancano le professionalità per curare le pratiche, l’informazione necessaria agli imprenditori. Siamo dunque soddisfatti di essere stati precursori su questo fronte”. Roma 19 Marzo 2019

Conti pubblici, il commercialista Lamberto Mattei spiega il “rapporto mensile sul consolidato di cassa nello Stato”

By | Economia e finanza | No Comments

Nel mese di gennaio 2019 in Italia si è realizzato un avanzo del settore statale pari, in via provvisoria, a 1.400 milioni (523 milioni nel corrispondente mese del 2018).  Nel confronto con il corrispondente mese del 2018, il saldo ha beneficiato di un aumento degli incassi per circa 2.400 milioni cui ha contribuito il buon andamento degli incassi fiscali per circa 1.800 milioni. I pagamenti risentono di maggiori prelievi per circa 1.500 milioni cui ha concorso in maniera significativa l’anticipo di una quota di contributo obbligatorio a favore dell’UE. Per agevolare il confronto, si ricorda che lo scorso anno sono stati erogati i prestiti straordinari ad Alitalia ed ILVA per complessivi 500 milioni. Gli interessi sui titoli di Stato sono risultati sugli stessi livelli di gennaio dello scorso anno. “Il dato è sotto la lente di ingrandimento di importanti economisti nazionali ed internazionali – spiega il commercialista Lamberto Mattei – ma per poter valutare appieno dati che vengono poco considerati dall’opinione pubblica ma che hanno una forte valenza sugli andamenti economico-finanziari nazionali occorre ben capire di cosa si stia parlando. Nella nostra attività quotidiana di studio e di ricerca riteniamo importante capire cosa sia il rapporto mensile sul conto consolidato di cassa del settore statali e delle amministrazioni centrali, il quale come reso noto dalle fonti ufficiali ministeriali,  espone per classificazione economica, su base mensile e cumulata, i principali aggregati relativi agli incassi e ai pagamenti che concorrono a formare sia il Conto consolidato di cassa del Settore Statale, con dettaglio degli incassi tributari, sia il Conto consolidato di cassa delle Amministrazioni centrali, con indicazioni di comparto delle Amministrazioni locali e degli Enti di previdenza.”

Nel documento in questione, inoltre, vengono fornite informazioni in ordine alle modalità di finanziamento del saldo del Settore Statale e si presenta, per la prima volta, una serie mensile aggiornata di tale saldo degli ultimi cinque anni.Il Conto del Settore statale è anche esposto in conformità con le regole del Government Finance Statistics Manual (GFSM) 2014 del Fondo Monetario Internazionale.

Press Office lambertomattei.info

Sdebitalia a garanzia dei contribuenti, il commercialista Lamberto Mattei: “ecco gli obiettivi fondamentali”

By | Economia e finanza | No Comments

Roma 21 Feb 2019 – Ha suscitato molto interesse nel panorama nazionale l’iniziativa “Sdebitalia”, annunciata dal commercialista Lamberto Mattei. A tal proposito il professionista, impegnato a tutto campo nella tutela dei contribuenti italiani riporta una relazione sitentica relativa agli  obiettivi fondamentali di Sdebitalia resa dal presidente dott. Gilberto Di Benedetto: “L’intendimento al quale si tende è quello di riuscire a trovare un modo per  convincere le Banche a rimettere i debiti ai debitori della stessa con la messa  a punto di un sistema che non sarebbe traumatico dalle banche stesse e  rivolto a debitori ai quali la banca sia dal punto di vista dell’indigenza che  patrimoniale evidentemente inesistente, non ha convenienza a mettere in atto  procedure esecutive dalle quali, considerando i costi ai quali la banca  andrebbe incontro, non ne scaturirebbe alcun beneficio.

La banca non è altro che un’impresa anche se di credito e come tutte le  imprese che operano su territorio nazionale è sottoposta alle regole fiscali applicate giustappunto alle imprese. In particolare nei confronti dell’abbattimento degli utili di bilancio rivenienti da  perdite dirette per le quali l’apparato fiscale richiede tassativamente elementi  certi e precisi, su questo punto l’Agenzia delle entrate ritiene che la  deduzione dal reddito di impresasi intende ammessa quando la perdita su  crediti diviene definitiva escludendo quindi ogni elemento valutativo e  presuntivo (CM 10 maggio 2002 n. 39/E par. 3)in particolare la definitività  della perdita sarà riscontrabile quando sarà esclusa ogni possibilità che si  possa in seguito da parte del creditore recuperare anche parzialmente la  propria pretesa creditoria. ( CM n. 26/E /2013 par. 3)

Orbene, considerato che da parte di “ Sdebitalia ” ci sarebbe la volontà di  rimettere il debito al debitore, avendone ottenuta la consegna dello stesso da  parte della banca che vanta il credito, e ricevendo dal debitore ampia  dichiarazione di annullamento di quel credito con la eliminazione dello stesso  in quanto considerato scaduto o non esigibile, sarebbe superato il rischio che  l’ Agenzia delle entrate possa intervenire a danno della banca nel momento che questa si accinge a defalcare dall’utile del proprio bilancio quei crediti che per i motivi sopra esposti non sono stati recuperati, in quanto rimessi, per il tramite di Sdebitalia  al debitore.

La attuale norma prevede che gli istituti di di credito nella disamina del  processo di valutazione delle perdite derivanti da crediti insoluti, che può  ritenersi definitiva solo a fronte di una situazione oggettiva di insolvenza non  temporanea del debitore, e quando la incapienza patrimoniale e la situazione  di illiquidità finanziaria fa escludere la possibilità di un anche parziale  recupero della posizione creditoria. Il trasferimento di quei crediti insoluti vantati dalle varie banche su territorio  a Sdebitalia  dovrebbe per semplicità avvenire come una cessione pro  soluto che non comportando il rischio di retrocessione a carico del cedente  appare la più tranquilla sotto tutti gli aspetti sia fiscali che  economico/finanziari. (cass. 14 ottobre 2005 n. 1918) può considerarsi  definitiva e quindi deducibile nell’esercizio di pertinenza previa l’esistenza  degli elementi certi di cui all’art 101 comma 5 del D.P.R. 917/1986. E’ utile  specificare che l’importo fiscalmente rilevante per la cessione in pro  soluto,deve essere determinato come differenza tra il valore fiscalmente  riconosciuto del credito e il corrispettivo di alienazione dello stesso (RM 20  luglio 1996 n. 137/E). www.sdebitalia.org”

Reddito e pensione di cittadinanza, il commercialista Lamberto Mattei: “ecco tutti gli aspetti attuativi”

By | Economia e finanza | No Comments

Roma 11 FEB 2019 – Ed ecco l’argomento più discusso nel panorama politico e produttivo a livello nazionale. Al di là delle proprie convinzioni personali e professionali, in questo editoriale ci soffermeremo specificamente sul testo di legge e su quanto l’Inps ha ufficialmente disposto l’applicazione delle normative di Reddito e pensione di cittadinanza. Un meccanismo che ora andrà testato, ma che comunque entra a far parte del meccanismo economico-finanziario-assistenziale della nostra nazione. Come primo step, dunque  – spiega il commercialista Lamberto Mattei – cercheremo di fornire dati specificamente tecnici, salvo poi approfondire caso per caso.”

Cos’è il Reddito di cittadinanza?
È un sostegno per famiglie in difficoltà che mira al reinserimento nel mondo
del lavoro e all’inclusione sociale. Il beneficio economico viene accreditato
mensilmente su una nuova carta prepagata, diversa da quelle rilasciate per altre
misure di sostegno, cosiddetta “CartaRdc”.
Che differenza c’è con la Pensione di cittadinanza?
Le regole generali e di funzionamento della Pensione sono analoghe a quelle
del Rdc, ma si tratta di un sussidio economico rivolto alle famigliedi anziani in
difficoltà; la misura risulta più semplice in quanto non sono previsti
adempimenti legati al lavoro, ma è sufficiente la presentazione della domanda
per poter accedere al beneficio, avendone i requisiti. Le modalità di erogazione del
beneficio saranno definite in sede di conversione del decreto istitutivo.
ATTENZIONE: tutti i componenti del nucleo familiare e non solo il capofamiglia,
devono avere età pari o superiore a 67 anni. Se si è già beneficiari
del Rdc, la pensione decorre dal mese successivo a quello del compimento del
67° anno del componente più giovane. In tal caso, la trasformazione da Rdc a Pdc
operad’ufficio.
Chi può presentare domanda di Reddito e di Pensione di cittadinanza?
• Cittadini italiani e dell’UnioneEuropea
• Stranieri lungo soggiornanti (permesso di soggiorno a tempo
indeterminato)  • Stranieri titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno
permanente, familiari di un cittadino italiano o dell’Unione Europea
(es. la moglie giapponese di un italiano)
Il richiedente deve essere residente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi
2 anni in modo continuativo.

Chi non può presentare domanda di Rdc/Pdc?
Sono esclusi dal beneficio i nuclei familiari in cui siano presenti soggetti
disoccupati che hanno presentato dimissioni volontarie negli ultimi 12 mesi
dalla presentazione della domanda, fatte salve le dimissioni per giusta causa.

 Come si può presentare la domanda diRdc/Pdc?
La domanda può essere presentata:
• in modalità cartacea, presso gli uffici postali avvalendosi del modello di
domanda predisposto dall’Inps, a partire dal 6 marzo 2019 (e da ogni
giorno 6 del mese). La domanda verrà inserita subito nel portale del
Ministero del Lavoro dall’operatore di sportello di Poste
• on-line, direttamente sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche
Sociali tramite le credenziali
• la raccolta delle domande avverrà anche presso i Centri di Assistenza
Fiscale (CAF), dalla data e con le modalità che saranno successivamente
comunicate
 Quali documenti occorrono per la domanda
di Rdc/Pdc?
Non occorre ulteriore documentazione, al momento della domanda bisogna solo
aver presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE. Sarà l’Inps
ad associare l’ISEE alla domanda.

Quali adempimenti sono previsti dopo aver presentato la domanda?
Il Rdc è una misura volta a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro e, quindi,
dopo aver presentato domanda, si deve:
a) attendere la comunicazione dell’Inps di accoglimento o rigetto tramite
e-mail e/o sms ai recapiti indicati dal richiedente nel Modello di
domanda

b) in caso di accoglimento, attendere la successiva comunicazionedi Poste
in cui viene fissato l’appuntamento per recarsi all’ufficio postale a ritirare
la Carta Rdc ed il relativo Pin. La carta sarà intestata al richiedente e non
è possibile avere più carte
c) entro 30 giorni dalla mail o da sms di Inps che comunica l’accoglimento
della domanda, tutti i componenti il nucleo devono rendere la
Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID)

 Come si può rendere la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID)?
I componenti del nucleo devono rendere la DID entro 30 giorni dall’accoglimento
della domanda.
Al momento, la DID può essere resa:
• presso i Centri perl’impiego
• presso i patronati convenzionati conl’ANPAL
La dichiarazione potrà essere presentata anche sulla piattaforma digitale
dell’ANPAL cosiddetta SIUPL. Tale piattaforma è in corso di implementazione.
9 Tutti devono comunque rendere la Dichiarazione di
Immediata Disponibilità al lavoro(DID)?
No, sono ESCLUSI dalla presentazione della DID i seguenti soggetti:
• minorenni
• beneficiari del Rdc pensionati
• beneficiari della Pensione di cittadinanza
• soggetti di oltre 65 anni dietà
• soggetti con disabilità, come definita aisensi della legge 12 marzo 1999, n.
68 (ossia disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%,
accertata dalle commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile,
invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33% accertato dall’INAIL,
non vedenti, sordomuti, invalidi di guerra), solo qualora non sia
previsto il collocamentomirato
• soggetti già occupati oppure che frequentano un regolare corso di studi o di formazione

Inoltre, i Centri per l’impiego possono ESONERARE dalla DID:
• i soggetti con carichi di cura (cosiddetti “caregiver”) qualora si occupino

di componenti familiari minori di tre anni o disabili gravi e non
autosufficienti (come definiti ai fini ISEE)

 Chi ha redditi o patrimoni oppure percepisce trattamenti assistenziali, può comunque accedere
al Rdc/Pdc?
Sì. Il nucleo familiare del richiedente può possedere redditi e patrimoni, ma
entro i limiti previsti, come ad esempio:
• patrimonio immobiliare non oltre 30.000 euro, senza considerare la casa
di abitazione
• patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro, incrementabili in
base alla composizione delnucleo
Tutti questi requisiti sono verificati in automatico dall’Inps a partire
dall’ISEE presentato.
Per il possesso di beni durevoli, valgono le seguenti regole:
• No agli autoveicoli immatricolati per la prima volta nei sei mesi
antecedenti la richiesta
• No agli autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc, immatricolati
per la prima volta nei due anni antecedenti
• No ai motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati per la
prima volta nei due anni antecedenti
• Si agli autoveicoli e motoveicoli per persone disabili con
agevolazione fiscale
• No a navi e imbarcazioni da diporto

A quanto ammonta il beneficio economico?
Il beneficio economico sia per il Reddito di cittadinanza che per la Pensione è dato
dalla somma di una componente ad integrazione delreddito familiare (quota A) e di
un contributo per l’affitto o per il mutuo (quota B), entrambe calcolate dalla
procedura Inps sulla base delle informazioni rilevate dall’ISEE e presenti nel modello
di domanda. Nello specifico:
• La quota A, ossia l’integrazione al reddito, può arrivare fino ad un
massimo di 6.000 euro annui in caso di Reddito di cittadinanza (oppure di
7.560 euro in caso di Pensione) e viene calcolata tenendo conto del
numero e della tipologia di componenti il nucleo (es. maggiorenni e
minorenni)
• La quota B, in caso di locazione della casa di abitazione, non può essere
superiore a 3.360 euro annui pari a 280 euro mensili per il Rdc (oppure
fino ad un massimo di 1.800 euro annui pari a 150 euro mensili per la
Pdc).In caso di mutuo della casa di abitazione,la quota B è al massimo pari a
150 euro mensili sia per Rdc che per Pdc
In ogni caso, complessivamente, non si potrà percepire un importo inferiore a 480
euro annui.
Il valore dell’ISEE (Ordinario oppure ISEE Corrente, qualora presente) dovrà
comunque essere inferiore a 9.360 euro.
Come e quando avviene il pagamento?
Il beneficio Rdc è accreditato mensilmente sulla “Carta Rdc” (come detto, si
tratta di una carta prepagata diversa da quelle rilasciate per altre misure di
sostegno) a partire dal mese successivo a quello di presentazione della
domanda. Per la prima mensilità, la somma accreditata è utilizzabile, in caso di
Rdc, una volta ritirata la carta presso Poste nei tempi comunicati per
l’appuntamento. Per la Pensione di cittadinanza le modalità di erogazione
verranno definite in sede di conversione del decreto istitutivo.

 Come si può utilizzare la Carta Rdc?
A titolo non esaustivo, la carta Rdc si può utilizzare per:
• fare alcune spese di beni diconsumo
• pagare utenze
• prelevare mensilmente contanti pari a 100 euro moltiplicati per la cosiddetta
”scala di equivalenza” che è un parametro in base al numero e alla
tipologia dei componenti la famiglia (es. se il parametro della scala di
equivalenzaè paria 2,1i l massimo che si può prelevare è 210 euro)
• effettuare un solo bonifico mensile per il pagamento del canone di
locazione della casa di abitazione del nucleo familiare
• effettuare un solo bonifico mensile per il pagamento della rata del
mutuo della casa di abitazione del nucleo
ATTENZIONE:la Carta Rdc non si può utilizzare per giochi che prevedono vincite in
denaro.

 Per quanto tempo viene erogato il beneficio economico?
Il beneficio del Rdc è riconosciuto per la durata di 18 mesi ma occorre prestare
attenzione a non incorrere in cause che ne comportano la decadenza. Può
essere rinnovato per ulteriori 18 mesi previa sospensione dell’erogazione del
beneficio di un mese prima di ciascun rinnovo. La sospensione non è prevista per
la Pdc che quindisirinnova in automatico.
15 Se in corso di fruizione varia il nucleo familiare si
perde il beneficio?
Se il nucleo familiare varia rispetto a quello risultante dall’attestazione ISEE in
corso di validità è necessario ripresentare la DSU aggiornata entro 2 mesi dalla
variazione e anche una nuova domanda di Rdc/Pdc, pena la decadenza dal
beneficio.
ATTENZIONE: Qualora la variazione sia dovuta a nascita o decesso di un
componente occorrerà ripresentare solo la nuova DSU; non occorre rifare anche
la domanda

 Il Rdc e Pdc sono compatibili con lo svolgimento di
attività lavorativa subordinata?
Sì. Il nucleo familiare può percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza anche
qualora tutti i suoi componenti sianolavoratori.
Tuttavia, in caso di attività lavorativa di uno o più componenti, se l’attività
subordinata è iniziata nell’anno 2017, nell’anno 2018, ovvero nei primi mesi del
2019 ed è in corso al momento di presentazione della domanda, occorre
compilare il modello Rdc/Pdc–Com, recandosi ai CAF convenzionati con le
proprie credenziali, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda.
ATTENZIONE: senza aver compilato questo modello la domanda non potrà
essere definita.
Se, invece, l’attività lavorativa subordinata è iniziata dopo la presentazione della
domanda di Rdc, e cioè nel corso di godimento del beneficio, le variazioni
devono essere comunicate all’Inps che valuterà le condizioni per la permanenza
del beneficio.
La comunicazione relativa alla variazione ed il relativo reddito viene inoltrata ad
Inps recandosi di persona ai Centri per l’impiego ovvero, quando sarà
istituita, attraverso la Piattaforma “SIUPL” entro 30 giorni dall’inizio dell’attività.

Rdc e Pdc sono compatibili con lo svolgimento di attività lavorativa autonoma
o di impresa?
Sì. Il nucleo familiare può percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza anche
qualora tutti i suoi componenti siano lavoratori.
Tuttavia, nel caso in cui uno o più componenti svolgano attività lavorativa
(autonoma o di impresa) iniziata nell’anno 2017, nell’anno 2018 ovvero nei
primi mesi del 2019 e in corso al momento di presentazione della domanda,
devono compilare il modello Rdc/Pdc – Com,recandosi ai CAF convenzionati, con
le proprie credenziali, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda.
ATTENZIONE: senza aver compilato questo modello la domanda non potrà
essere definita.
Se, invece, l’attività lavorativa inizia dopo la presentazione della domanda di Rdc,
e cioè nel corso di godimento del beneficio, le variazioni devono essere
comunicate all’Inps che valuterà le condizioni per la permanenza del beneficio.
La comunicazione relativa alla variazione ed il relativo reddito viene inoltrata ad
Inps recandosi di persona ai Centri per l’impiego ovvero, quando sarà
istituita, attraverso la Piattaforma “SIUPL” il giorno 15 del mese successivo al
termine di ogni trimestre solare (es. entro il 15 aprile deve essere comunicato il
reddito del trimestre gennaio – marzo).

In caso di assunzione di un Beneficiario di Rdc è prevista qualche agevolazione per l’impresa che
assume?
Sì. Le imprese che assumono un beneficiario di Rdc nei primi 18 mesi di
fruizione del beneficio ottengono un incentivo sotto forma di esonero contributivo
non inferiore a 5 mesi e con un massimale di 780 euro mensili.

Rdc e Pdc sono compatibili con la percezione delle
prestazioni destinate agli invalidi civili?
Sì. Il nucleo familiare può percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza anche
qualora uno o più componenti siano percettori delle prestazioni destinate agli
invalidi civili. In tal caso Rdc/Pdc integrano nei limiti della soglia l’importo di tali
prestazioni.

In quali casisi verifica la decadenza dal Reddito di cittadinanza?
La decadenza del beneficio è previsto, tra l’altro, nel caso in cui:
• manca la dichiarazione di immediata disponibilità allavoro
• manca la sottoscrizione del Patto per il lavoro oppure del Patto per
l’inclusione sociale
• il componente/i non partecipa alle iniziative formative o di riqualificazione
• non viene accettata nessuna delle tre offerte di lavoro congrua
• non si effettuano le comunicazioni previste in caso di variazioni di
lavoro o del nucleo e non presenta la nuova DSU.

Che tipi di sanzioni sono previste e in quali casi si
applicano?
 Nei casi più gravi, le sanzioni sono di carattere penale e comportano
la reclusione fino a 6 anni e ovviamente la revoca immediata del Rdc
e della Pdc, con anche l’obbligo di restituire tutto l’importo
percepito. Tali più gravi fattispecie riguardano coloro che rendono
dichiarazioni false o utilizzano documenti falsi, attestando cose non
vere ovvero omettendo informazioni dovute

 È punito con la reclusione da 1 a 3 anni, colui che non comunica le
variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività
irregolari, nonché di altre informazioni che potrebbero comportare la
revoca del beneficio ovvero la sua riduzione
 Nel caso di condanna definitiva il beneficiario sarà tenuto alla
restituzione di tutto quanto percepito indebitamente e non potrà essere
nuovamente ammesso al beneficio se non prima di dieci anni dalla
condanna
 Se l’INPS accerta la non corrispondenza al vero delle dichiarazioni e
informazioni dichiarate revoca immediatamente il beneficio e il
beneficiario è tenuto alla restituzione di tutto quanto indebitamente ha
percepito.

 

Organi di controllo nelle società a r.l., i rischi tributari e stato dell’arte. Intervista al commercialista Lamberto Mattei

By | Economia e finanza | No Comments

La scadenza è stata fissata a novembre per i decreti attuativi della disciplina di riforma dell’organo di controllo nelle società a r.l.: con la legge n. 155 del 19 ottobre 2017 sono stati estesi i casi di nomina obbligatoria, con nuove soglie e maggiori tutele per i soci.

Roma – Molte le incertezze per tante società a r.l. che cercano di dipanare la matassa degli organi di controllo introdotti per l’appunto nel 2017. Una confusione che regna sovrana a livello normativo-applicativo che riguarda misure adottate dal Parlamento con delega al Governo per la riforma della disciplina del settore crisi di impresa e insolvenza, su cui ricadono i rischi tributari. Su questo tema, abbiamo voluto sentire il commercialista Lamberto Mattei founder dello Studio Sarcc di Roma, da sempre in trincea per approfondire, capire e mettere a disposizionedelle aziendeimprese e professionalità ulteriori strumenti di approfondimento.

“L’organo di controllo nelle s.r.l. – spiega il commercialista Lamberto Mattei in una intervista rilasciata ai media nazionali – è un tema riguardante la disciplina civilistica interessata a breve a diversi mutamenti contenuti nello schema di decreto legislativo recante il “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”, in attuazione della L. 155/2017, oltre a quelle riguardanti la generalità delle società. Nel caso di una singola società è previsto l’organo di controllo mentre nei casi di più società nei gruppi di imprese è prevista la figura del revisore.

D: Da ciò si desume che lo Stato voglia applicare le normative della pubblica amministrazione alle società private?

  1. Il punto di partenza è stato sicuramente mirato ad evitare, ove possibile, una confusione gestionale nei casi digestionedi impresa. Tanti, troppi amministratori unici, consigli di amministrazione hanno portato al fallimento o sull’orlo del precipizio società ed imprese a causa di una gestione dissennata e non approfondita. I commercialisti, in diversi casi purtroppo non essendo aggiornati sulle normative hanno contribuito anche loro parimenti a generare caos e problemi. Il governo dunque ha voluto mettere un riparo, ma restano tutti gli interrogativi e i dubbi sull’ìter procedurale da seguire e che stiamo per l’appunto studiando approfonditamente”.
  2. Lei dottor Mattei quale commercialista esperto di settore ha creato una task force di approfondimento su diverse normative di grande interesse
  3. Ritengo che oggi più che mai sia necessario agire in sinergia tra professionisti, ma soprattutto uno studio professionale ha il dovere di prevenire l’insorgenza di problematiche che nel caso di società a r.l. potrebbero diventare rilevanti, quindi cerchiamo con i nostri approfondimenti mirati di capire prima tutto, con le simulazioni delle varie ipotesi attuative della legge, che ricordiamo è sempre ad interpretazione.
  4. Lesocietàa r.l. rispetto a questa legge sono un pò nel pallone, come può essere riassunta questa situazione?
  5. Abbiamo elaborato una relazione che ci consente di avere un quadro rispetto all’attualestato dell’arte. Dobbiamo tener conto che le evoluzionilegislative subiscono variazioni anche con la politica che potrebbe avere indirizzi di governo diversi oggi, rispetto a quanto pianificato ieri.
  6. Dobbiamo quindi aspettarci modifiche sostanziali?
  7. Non credo si stravolga il tutto, ma il nostro compito è quello di monitorare costantemente lenormativeche seguono ed i passaggi formali riguardanti i decreti applicativi. Nel contempo siamo in grado allo stato attuale di fornire ogni elemento e valutazione su singole società, gruppi imprenditoriali ed altri settori.
    Questo comunque il sunto del nostro approfondimento:

Si evidenzia che quanto stabilito dal combinato disposto degli artt. 3 comma 2 e 374 comma 2 dello schema di DLgs. sia in vigore dal 30° giorno successivo alla pubblicazione dello stesso nella Gazzetta Ufficiale. A partire da tale data, l’imprenditore, operante in forma societaria o collettiva, dovrà istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale.

Nel caso specifico della srl, l’art. 376 comma 4 dello schema di decreto riformula l’art. 2475 comma 1 c.c., in forza del quale la gestione dell’impresa si svolge nel rispetto dell’art. 2086 comma 2 c.c. e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale: salvo diversa disposizione dell’atto costitutivo, l’amministrazione della srl è affidata a uno o più socicon decisione dei soci, presa ai sensi dell’art. 2479 c.c.
Sulla predetta adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile, dovrà, naturalmente, vigilare l’organo di amministrazione, in virtù di quanto prescritto dal comma 6 dell’art.2475 c.c. – introdotto dall’art. 376 comma 5 dello schema – che impone l’applicazione dell’art. 2381 c.c., in quanto compatibile.

Il successivo art. 377 comma 1 dello schema di DLgs. dispone, invece, l’operatività dell’art. 2394 c.c., mediante l’introduzione di  uno specifico comma nell’art. 2476 c.c., secondo cui:
– gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale;
– l’azione può essere proposta dai creditori, quando il patrimonio sociale risulta insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti;
– la rinuncia all’azione, da parte della società, non impedisce l’esercizio dell’azione a cura dei creditori sociali. La transazione può essere impugnata dai creditori sociali soltanto con l’azione revocatoria, qualora ne ricorrano gli estremi.

Le principali novità per le società a r.l.  sono comunque contenute nell’art. 378 dello schema – anch’esso applicabile dal 30° giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta del provvedimento(art. 388) – che sostituisce il comma 3 dell’art. 2477 c.c., estendendo i casi di nomina obbligatoria dell’organo di controllo (sindaco unico o collegio sindacale) o del revisore a quello della società a responsabilità limitata che ha superato, per due esercizi consecutivi, almeno una delle seguenti soglie:
– 2 milioni di euro di totale dell’attivo patrimoniale;
– 2 milioni di euro di ricavi delle vendite e delle prestazioni;
– 10 dipendenti occupati in media durante l’esercizio.

In conclusione- spiega il commercialista Lamberto Mattei – con la legge numero 155 del 19 ottobre 2017, il Parlamento ha delegato il Governo alla riforma della disciplina relativa alla crisi d’impresa ed all’insolvenza, con inevitabili risvolti tributari. Il testo prevede anche una serie di modifiche importanti che riguardano l’organo.  di In particolare, all’articolo 14 sono indicate una serie di modifiche anche al codice civile, per le quali dovranno essere emanati per la loro attuazione i relativi decreti attuativi nel termine di 12 mesi dall’entrata in vigore avvenuta il 14 novembre2017. Ad oggi tali decreti non risultano ancora emanati (o in corso di emanazione). La delega in concreto abbassa le soglie previste per la nomina obbligatoria dell’organo di controllo o del revisore delle Srl, e di conseguenza amplia i soggetti che potranno ricoprire tale incarico; inoltre interviene per regolare la mancata nomina dell’organo di controllo, attribuendo ai soci delle S.r.l.il potere di denuncia al Tribunale per gravi irregolarità degli amministratori.